Scandalo travolge il K-pop, Seungri e Jung Joon-young finiscono sotto inchiesta!

Lee Seung-hyun, idolo della popolare k-pop band BIG BANG, meglio conosciuto come “Seungri”, già famoso per il suo stile di vita di lusso tanto da guadagnarsi il nickname “The Great Gatsby”, è finito sotto inchiesta per favoreggiamento alla prostituzione.

La pop-star ha negato tutte le accuse annunciando l’abbandono della carriera, tramite il suo account di Instagram, per fronteggiare le indagini e per evitare ulteriore imbarazzo all’agenzia, YG Entertainment, e agli altri membri della band.

Essendo lo scandalo troppo grande, ho deciso di ritirarmi, per quanto riguarda le indagini, le prenderò seriamente per chiarire il mio nome da ogni accusa. Esprimo tutta la mia sincerità, un grazie a tutti i fans di casa e all’estero che mi hanno dimostrato il loro amore negli ultimi 10 anni. Questo è per il bene della reputazione di YG e Big Bang.

L’annuncio di Seungri è avvenuto dopo che Lunedì si erano sparse sui social le prime notizie dello scandalo. Successivamente l’agenzia YG avrebbe terminato il contratto del cantante scusandosi per non essere stata in grado di “gestire” in modo appropriato la pop-star. I Big Bang si erano presi una pausa in quanto tre dei cinque membri stavano svolgendo il servizio militare, Seungri ha cancellato il resto del suo tour da solista, e ad oggi non si hanno notizie su cosa succederà alla band.

Le accuse per il giovane 28enne sono di aver procurato, nel 2005, prostitute per investitori stranieri presso diversi nightclubs nel famoso distretto Gangnam. Il vaso di pandora sarebbe stato scoperchiato grazie ad una rissa avvenuta a Gennaio di quest’anno presso il club “Burning Sun”, ove Seungri è direttore delle pubbliche relazioni. Le indagini sulla rissa hanno portato in risalto le altre attività illegali del club: traffico e uso di stupefacenti, giro di prostituzione per clienti VIPs e corruzione delle forze dell’ordine. Il cantante, nel vano tentativo di tamponare lo scandalo, aveva già preso le distanze dal club il mese scorso, rassegnando le dimissioni dalla sua posizione di direttore.

Il 25 Marzo era previsto l’arruolamento di Seungri nel servizio militare, obbligatorio in Sud Corea per i giovani tra 18-35 anni, ma viste le accuse è probabile che dovrà rimandare la “chiamata alle armi”. Considerando quanto sia dura l’opinione pubblica sudcoreana nei confronti delle star coinvolte in uno scandalo, nonché verso le star che saltano la leva, Seungri si trova in una posizione veramente scomoda e difficile, con una reputazione ormai già duramente segnata.

Ma i problemi per il più giovane membro dei Big Bang non finiscono qui, altre accuse lo travolgono tramite la pop-start Jung Joon-young. Nelle mani della polizia sarebbero finiti foto e video a sfondo sessuale scambiate in una chat di gruppo di cui faceva parte anche Seungri. Jung Joon-young è stato infatti accusato di aver filmato e fotografato di nascosto le donne con cui aveva intrattenuto rapporti sessuali, per poi diffondere il tutto nella chat di gruppo. Giovedì scorso il cantante ha confermato tutte le accuse dichiarandosi colpevole e si è ritirato dalla carriera, concludendo il contratto con la sua agenzia.

Inutile dire che l’industria del pop coreano ha subito un durissimo contraccolpo, non solo d’immagine ma anche in termini monetari. L’agenzia YG ha perso quasi il 16% e altre agenzie coinvolte stanno subendo forti perdite. Per non parlare poi del putiferio che si è scatenato in Sud Corea, ove l’opinione pubblica è sempre durissima nei confronti di personaggi famosi coinvolti in uno scandalo. Il web viene infatti invaso da commenti al limite dell’odio e della minaccia, e anche quando le star vengono assolte, l’odio e la critica continuano per anni rendendo difficile il recupero della carriera per le persone coinvolte.

Non essendo una fan del pop coreano solitamente non seguo le notizie in merito, ma la mia passione per i k-drama mi porta spesso in contatto con il k-pop e questo era uno scandalo troppo grande per non parlarne. Il mio articolo vuole essere puramente informativo, Seungri al momento è solamente sotto inchiesta, mi dissocio pertanto da qualsiasi commento d’odio in quanto non spetta a noi giudicare. Concludo citando nuovamente un’estratto di Instagram:

Ho affrontato pesanti critiche dal pubblico nell’ultimo mese e mezzo e sono sotto indagine da tutte le autorità investigative del paese, sono stato “taggato” come il traditore nazionale, per il mio bene, non posso più sopportare il fatto che sto danneggiando anche altre persone.

Reazioni del pubblico coreano – by Asian Boss

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: