Sell Your Haunted House | Recensione

È estate, il caldo torrido ti sta uccidendo? Quale miglior momento per iniziare un mistery drama dalle atmosfere talvolta bollenti e talvolta fredde, e soprattutto, quale miglior momento per farci venire ancora più caldo, vista la sua presenza?

Ora che sono certa di aver attirato la vostra attenzione inizio a parlarvi di ‘Sell your Haunted House’, che per me incarna perfettamente il ghost drama caliente dell’estate, composto da 16 episodi da circa un’ora, reperibile su Viki. È un racconto di fantasy urbano moderno che affronta il tema dell’occulto e dell‘esorcismo in modo totalmente inaspettato, facendo passare all’aldilà gli ‘spiriti vendicativi’, ovvero quelli che non hanno chiuso i conti con il loro passato, liberando il mondo dalla loro influenza negativa. Perché succedono cose strane e brutte quando uno spirito vendicativo decide di rompere le scatole. 

Iniziamo quindi, come spesso succede, con l’indagare un caso ogni 1 o 2 episodi, e nel mentre gli elementi della trama principale iniziano a prendere forma. Man mano che la storia si sviluppa, i casi diventano sempre più oscuri, mentre il mistero principale si dipana lentamente attraverso una serie di colpi di scena che culminano con lo scoprire come i protagonisti sono collegati tra loro. 

Il processo di eliminazione dei fantasmi è unico e originale! Gli strumenti del mestiere includono: una quantità indefinita di sale, un antico portaincenso in ottone (l’incenso è l’elemento chiave insieme al nome del defunto), una pistola “campo di forza” (che assomiglia vistosamente a una sparachiodi), un pugnale a bastoncino (per i capelli), un amuleto protettivo e un sensitivo. Il passo finale del processo è l’esorcismo stesso.

La protagonista Hong Ji Ah, interpretata da Jang Na Ra è il personaggio più riuscito, ci viene presentata come una donna stoica e dura, quasi dal cuore di pietra. I suoi esorcismi vengono effettuati tramite un magico bastoncino per capelli, veste sempre di nero ed è un’appassionata di televendite. La sua temperatura quando lavora scende, così da diventare quasi gelata, metafora di come in realtà lei sia un essere umano profondamente vulnerabile, fragile ed emotivamente segnato. Questo personaggio è particolarmente girl powering e dall’altro lato, per fortuna, vengono mostrare anche le sue debolezze. 

Grandissimo ritorno dal servizio militare per il frontman dei CNBLUE Jung Yong Hwa che interpreta il protagonista maschile Oh In Beom; il suo carisma è perfetto per il ruolo di truffatore e di provocatore per Hong Ji Ah. La contrapposizione tra lui, bianco e caldo, e lei nera e gelida, è particolarmente azzeccata, per cui la coppia è equilibrata e si avverte una certa chimica. 

Tra il cast di supporto, buone le interpretazioni di Kang Mal Geum e Baek Eun Hye che interpretano rispettivamente Joo Hwa Jung e Hong Mi Jin. La prima è la segretaria dell’agenzia immobiliare, e contribuisce ad alcune scene più emotivamente cariche del drama, assieme a Jang Na Ra, in particolare verso l’ultimo terzo del dramma. Hong Mi Jin è la madre della protagonista e l’accompagnerà per tutto il drama come fantasma vendicativo, buona parte dello show è dedita a capire come far trapassare questo spirito. Per forza di cose questo personaggio non parla quasi mai, per cui l’espressività dell’attrice è fondamentale. Non c’è nulla da fare, in questa serie le donne superano gli uomini per carica emotiva e potenza dei personaggi.

L’intera colonna sonora è azzeccatissima. Il mio brano preferito è ovviamente il tema principale, I Got Ya, dall’atmosfera anni ’80, interpretata NIENTEPOPODIMENO che dal first lead. Mi piace sempre quando gli attori contribuiscono alla colonna sonora, in questo caso, anche Jang Na Ra canta, la canzone “Daydream”.

Opinioni personali

Questo drama è stata una bella scoperta, del tutto inaspettata, offre un po’ di tutto, anche del buon cibo coreano dall’aspetto delizioso. C’è commedia chiara e dark, mistero, dramma e fantasy. Inaspettatamente ho versato più lacrime del previsto, ma mi sono ritrovata spesso a morire dal ridere.  Il lato romantico della coppia principale non è particolarmente importante, e questo in realtà l’ho percepito come un deficit del drama, visto che la chimica tra i due è palpabile.

Quello che ho apprezzato di più è che, invece di gettare addosso allo spettatore continui colpi di scena che finiscono per essere prevedibili, lo spettacolo lavora molto sulla costruzione della trama in ‘pezzi’, così che, come un puzzle, alla fine lo spettatore senza essersene conto, riesca a comprendere a pieno tutta la storia dall’inizio alla fine. 

QUINDI: “Sell Your Haunted House” è fatto bene e mi sento di dire che è riuscito nell’ottenere un nuovo approccio al genere soprannaturale. La scrittura è eccellente, la storia è interessante, divertente, e toccante, il cast è perfetto, la regia e il montaggio sono ben fatti e le tracce musicali sono ben selezionate.

Ne consiglio assolutamente la visione e spero che ‘It will get you’’. 

Al prossimo drama.

Mariapia

Mariapia

Ciao, sono Mariapia, classe ’92, da sempre appassionata di cultura orientale e inizialmente patita di anime e manga (maledetta MTV), dal 2018 sono precipitata nel vortice dei drama, sai, quando parte il colpo di fulmine non ci si può fare nulla. Genere preferito: fantasy e storici, ma sono anche un’inguaribile romantica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: